giovedì 31 marzo 2011

Le Bandiere Arancioni in Piemonte 2011 – I Comuni e le motivazioni del TCI

Sono state assegnate le Bandiere Arancioni da parte del TCI (Touring Club Italiano) per il 2011, al Piemonte ne sono state assegnate 19 e la parte del leone lo hanno fatto la Provincia di Cuneo con 8 Bandiere Arancione e la Provincia del Verbano con 5 Bandiere Arancione.

Vediamo cosa è e come funziona questo premio che viene dato ad alcuni comuni Italiani da parte del TCI.

Il territorio italiano possiede, come ben si sa, un patrimonio artistico-architettonico e paesaggistico immenso legato non soltanto alle città d’arte o alle località più importanti o più note che hanno, da sempre, dato lustro al nostro Paese, ma anche ai piccoli centri dell’entroterra che, spesso sconosciuti o dimenticati, da qualche anno hanno avuto la possibilità di entrare a far parte di un circuito turistico più ampio grazie a un prestigioso riconoscimento. L’idea è venuta al Touring Club Italiano che, prendendo spunto da un altro importante riconoscimento e marchio di qualità, quello delle Bandiere Blu attribuite al mare e alle coste caratterizzate da elevati parametri di qualità, si è fatto promotore delle Bandiere Arancioni.

image

La Bandiera Arancione è un marchio destinato alle località dell’entroterra e viene attribuito ai territori che soddisfano criteri di analisi connessi allo sviluppo di un turismo di qualità che tende a valorizzare il patrimonio culturale e ambientale, la cultura dell’ospitalità, l’accesso e la fruizione delle risorse, la qualità della ricettività, della ristorazione e dei prodotti tipici. La Bandiera Arancione è uno degli strumenti con il quale il Touring Club offre ai turisti una garanzia di qualità e alle località più piccole o lontane dai circuiti più noti uno strumento prezioso di valorizzazione.

Le Bandiere Arancioni si inseriscono nel quadro di una politica per lo sviluppo sostenibile per la comunità e per l’ambiente che abbia come premessa la difesa e la valorizzazione delle risorse esistenti siano esse paesaggistiche, culturali o legate a tradizioni e costumi locali.

BANDIERE ARANCIONI è, inoltre, l'unico progetto italiano inserito dall'Organizzazione Mondiale del Turismo(World Tourism Organization) fra i 50 programmi realizzati con successo in tutto il mondo per uno sviluppo sostenibile del turismo.

Ma quali sono i requisiti che permettono l’ottenimento della Bandiera Arancione?

La condizione minima per concorrere è essere un comune dell’entroterra con meno di 15.000 abitanti. Dopo una prima pre-selezione compiuta dal Touring viene effettuata una visita anonima in loco alla quale segue una valutazione basata su cinque macro aree che riguardano: i fattori di attrazione turistica (particolarità storiche, culturali e ambientali, prodotti tipici enogastronomici e artigianali, eventi); l’accoglienza (servizi di informazione turistica, segnaletica, accessibilità al luogo, frequenza dei mezzi di trasporto, possibilità di spostamenti interni); sostenibilità e qualità ambientale (verde, acqua, aria, energia, rumore, rifiuti); valutazione qualitativa (immagine e atmosfera della località, arredo urbano, ospitalità e cordialità, tradizioni); servizi ricettivi e complementari (alberghi, campeggi e ostelli, agriturismi, B&B, ristoranti e locali).

Se l’analisi dei parametri risulta positiva viene conferita la Bandiera Arancione e con essa arriva anche l’inserimento nel circuito promozionale del Touring rappresentato, tra l’altro, da testate giornalistiche, guide, materiale cartografico, newsletter ...

Nel caso in cui tutti i parametri non dovessero essere soddisfatti è lo stesso Touring Club che si occupa di fornire un piano di miglioramento in grado di individuare i fattori di criticità e di mettere in atto le azioni necessarie per portare il comune agli standard qualitativi richiesti.

Le Località Piemontesi che hanno ottenuto la bandiera Arancione e le motivazione del TCI

  • Alagna Valsesia (VC)
  • Avigliana (TO)
  • Barolo (CN)
  • Bene Vagienna (CN)
  • Bergolo (CN)
  • Candelo (BI)
  • Cannero Riviera (VB)
  • Cherasco (CN)
  • Cocconato (AT)
  • Fenestrelle (TO)
  • Grinzane Cavour (CN)
  • Macugnaga (VB)
  • Malesco (VB)
  • Mergozzo (VB)
  • Monforte d'Alba (CN)
  • Neive (CN)
  • Orta San Giulio (NO)
  • Santa Maria Maggiore (VB)
  • Varallo (VC)
  • La Morra (Cn)

Alagna Valsesia (Vc)
Perché Bandiera arancione

Il comune si distingue per l'efficienza del servizio di informazioni turistiche, la valorizzazione e conservazione del patrimonio architettonico di grande rilievo (es. Museo Walser ed Eco-museo). Inserita in un contesto ambientale di pregio all'interno del Parco Nazionale Alta Valsesia, la località presenta una completa offerta di servizi complementari (per es. visite culturali guidate, escursioni naturalistiche).

Avigliana (To)
Perché Bandiera arancione

La conservazione del patrimonio architettonico di grande rilievo e l'armonia e manutenzione del centro storico sono i caratteri distintivi della località, insieme anche ad un sistema ricettivo vario e di qualità e alla presenza di un efficiente sistema di segnaletica turistica e di itinerari di visita del centro storico. La località unisce varietà degli attrattori ambientali (es. laghi di Avigliana) e storico-culturali (es. Torre dell’Orologio).

Barolo (Cn)
Perché Bandiera arancione
Il comune si distingue per la elevata fruibilità degli attrattori storico-culturali, per una comunicazione via Web orientata al turista attraverso un efficiente sito dedicato alla destinazione, per l'attivazione di strumenti e occasioni di promozione del prodotto tipico del luogo, il vino Barolo (es. Museo del Cavatappi) e per la varietà e la qualità del sistema ricettivo.

Bene Vagienna (Cn)
Perché Bandiera arancione

La località si distinuge per l'armonia e l'omogeneità architettonica del centro storico e la buona conservazione delle risorse storico-culturali, tra cui spicca la zona archeologica Augusta Bagiennorum. Da segnalare sono inoltre la cura e manutenzione dell’arredo urbano e del verde pubblico e la presenza di una rete sentieristica e di percorsi cicloturistici ben segnalati.

Bergolo (Cn)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per il sito web orientato al visitatore e ricco di informazioni utili e per il contesto naturalistico di pregio, con una buona rete sentieristica e cicloturistica. Tipica e accogliente è inoltre l'atmosfera che si respira nel piccolo centro storico, armonioso ed omogeneo, che offre anche luoghi di degustazione e acquisto di prodotti agroalimentari tipici locali.

Candelo (Bi)
Perché Bandiera arancione

Il comune si distingue per l' efficienza del servizio di informazioni turistiche, per la comunicazione via Web orientata al turista attraverso un efficiente sito dedicato alla destinazione, per la presenza di un importante attrattore storico-culturale (Ricetto medievale) ben conservato e tenuto, per un contesto ambientale di pregio (Riserva Naturale Orientata delle Baragge) e per un'alta percentuale di raccolta differenziata.

Cannero Riviera (Vb)
Perché Bandiera arancione
La località si distingue per il funzionale servizio di informazioni turistiche grazie ad un ufficio turistico accogliente e con buona disponibilità di materiale promozionale e per l'efficiente sistema di segnaletica di indicazione e di informazione turistica per i monumenti e le strutture ricettive e i ristoranti. Ampia è l'offerta di servizi complementari e buona la gestione dei rifiuti e la percentuale di raccolta differenziata.

Cherasco (Cn)
Perché Bandiera arancione

Il comune presenta un'ampia varietà di attrattori storico-culturali e si distingue per l'attivazione di strumenti di promozione del prodotto tipico del luogo (Baci di Cherasco), per la vivacità sociale e la programmazione di un ricco e vario calendario eventi, per la presenza di un’area camper ben segnalata ed efficiente e per un'elevata percentuale di raccolta differenziata.

Cocconato (At)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per la buona qualità e varietà dell'offerta ricettiva e ristorativa, per la valorizzazione dei numerosi prodotti tipici locali, acquistabili in numerosi punti vendita nel centro storico. Il centro storico, armonico ed omogeneo, viene vivacizzato dal ricco calendario di manifestazioni legate alle tradizioni locali e alle tipicità enogastronomiche, che contribuiscono a rendere l'atmosfera della località ancora più caratteristica e accogliente.

Fenestrelle (To)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per l'ottimo sistema di informazione turistica, sia in loco sia tramite il sito web. Inserito in un contesto ambientale di grande pregio, la località presenta un importante attrattore storico-culturale (la Fortezza), in ottimo stato di manutenzione e ben valorizzato e una buona offerta di servizi complementari.

Grinzane Cavour (Cn)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per essere immersa in un contesto naturalistico di pregio e per la presenza di un importante attrattore storico-culturale (il Castello), in ottimo stato di conservazione e ben fruibile. Buona è l'offerta ristorativa legata alla tradizione enogastronomica locale, efficiente la gestione dei rifiuti e buona la percentuale di raccolta differenziata.

Macugnaga (Vb)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per l'efficienza del servizio di informazioni turistiche, l'armonia e l'omogeneità architettonica e l'ottima conservazione del patrimonio architettonico originario, per la varietà del sistema ricettivo, per un contesto paesaggistico di pregio e per la valorizzazione e promozione delle antiche tradizioni locali.

Malesco (Vb)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per la comunicazione via Web orientata al turista attraverso un efficiente sito dedicato alla destinazione, per la presenza di un efficiente sistema di segnaletica di indicazione per i servizi offerti dalla località, per essere immersa in un contesto ambientale di grande pregio (Parco della Val Grande e Oasi WWF), per la varietà del sistema ricettivo e la manutenzione e la pulizia delle strade.

Mergozzo (Vb)
Perché Bandiera arancione

Il comune presenta attrattori storico-culturali di rilievo (es. Chiesa di San Giovanni, nel borgo di Montorfano), un'offerta ristorativa legata alla tradizione enogastronomica locale, un'ampia varietà del sistema ricettivo, un contesto ambientale di pregio(es. Lago di Mergozzo) e un'elevata percentuale di raccolta differenziata.

Monforte d’Alba (Cn)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per la comunicazione via Web orientata al turista attraverso un efficiente sito dedicato alla destinazione, per la variegata e ricca offerta enogastronomica e per la presenza di un sistema di segnaletica di indicazione per i produttori locali tipici efficiente. Inoltre il comune presenta una buona armonia e omogeneità del centro storico, con impianto urbanistico caratteristico, un contesto ambientale di pregio (Langhe) e un'offerta ricettiva integrata nel contesto architettonico e paesaggistico.

Neive (Cn)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per l'armonia e l'omogeneità architettonica del centro storico, per l'offerta ristorativa legata alla tradizione enogastronomica locale, per la cura e la manutenzione dell’arredo urbano, per il contesto naturalistico di pregio e per l'elevata percentuale di raccolta differenziata.

Orta San Giulio (No)
Perché Bandiera arancione

Il comune si distingue per l'efficienza del servizio di informazioni turistiche, per la varietà degli attrattori storico-culturali e ambientali, tra cui il Sacro Monte di Orta, per la promozione dei prodotti tipici del territorio, il contesto paesaggistico di notevole pregio e l'elevata percentuale di raccolta differenziata.

Santa Maria Maggiore (Vb)
Perché Bandiera arancione

Il comune si distingue per l'efficiente sistema di segnaletica turistica per gli attrattori storico-culturali, l'omogeneità architettonica del centro storico e l'offerta ristorativa legata alla tradizione enogastronomica locale. La località ha il merito di recuperare e valorizzare le antiche tradizioni locali (es. predisposizione del Museo dello spazzacamino) e di presentare un alto numero di botteghe artistiche e artigiane che la rendono vivace.

Varallo (Vc)
Perché Bandiera arancione

Il comune si distingue per l'efficienza del servizio di informazioni turistiche, per la presenza di un attrattore storico-culturale di rilievo (Sacro Monte), per la varietà del sistema ricettivo, per la presenza di un'area camper ben segnalata ed efficiente e per la buona promozione e comunicazione degli eventi.

La Morra (Cn)
Perché Bandiera arancione

La località si distingue per il centro storico ben mantenuto e vivace, per l'ottimo servizio di informazioni turistiche e un'efficiente sistema di segnaletica di informazione presso gli attrattori storico culturali. Notevole è anche la varietà delle produzioni enogastronomiche locali che vengono adeguatamente valorizzate.

Chi fosse interessato può approfondire l’argomento visitando il sito ufficiale di Bandiere Arancioni dal quale sono tratte le valutazioni (perchè Bandiera Arancione).

 

     Mirò

Nessun commento:

Posta un commento